Questa newsletter settimanale propone un brano tratto dalle numerosi meditazioni presenti nei quaderni di Don Comelli. Se volete ricevere la newsletter, o volete segnalare le email di altri vostri conoscenti/amici che potrebbero essere interessati a riceverla, scrivete a info@doncomelli.it


Newsletter 38/2022

Domenica 20 novembre
Nella vita dei primi discepoli la carità era l’elemento riconosciuto come caratterizzante il discepolo del Risorto, Mt. 25,31-46 è il giudizio finale nella carità.  Viene descritto l’atteggiamento della carità in forma molto chiara: dare da mangiare, da bere, un tetto, un vestito a chi ne è sprovvisto, assistere e curare chi è nella malattia e nella vecchiaia, assistere anche chi è caduto nella miseria morale, sociale, economica.
Il giudizio viene fatto in ogni momento della nostra vita … e il criterio discriminante sarà quello di aver condiviso le nostre ricchezze oppure no. È su questo punto che tutti noi giochiamo la nostra salvezza!

Mt. 25,31-46
Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra. Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: «Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi». Allora i giusti gli risponderanno: «Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?». E il re risponderà loro: «In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me». Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: «Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato». Anch’essi allora risponderanno: «Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?». Allora egli risponderà loro: «In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me». E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

(Dio è carità – XLIII)

Newsletter 37/2022

Domenica 14 novembre
In Atti 10,2 e 10,4-31 la conversione di Cornelio: per le sue preghiere ed elemosine. La carità viene interpretata come lo strumento, la porta di ingresso alla comprensione della Parola – Salvezza!  Per il cristiano la carità è l’elemento essenziale che lo caratterizza.
Atti 10,2
“Era religioso e timorato di Dio con tutta la sua famiglia; faceva molte elemosine al popolo e pregava sempre Dio”

Atti 19, 3-35
Un giorno, verso le tre del pomeriggio, vide chiaramente in visione un angelo di Dio venirgli incontro e chiamarlo: «Cornelio!». Egli lo guardò e preso da timore disse: «Che c’è, Signore?». Gli rispose: «Le tue preghiere e le tue elemosine sono salite dinanzi a Dio ed egli si è ricordato di te. Ora manda degli uomini a Giaffa e fa’ venire un certo Simone, detto Pietro. Egli è ospite presso un tale Simone, conciatore di pelli, che abita vicino al mare». Quando l’angelo che gli parlava se ne fu andato, Cornelio chiamò due dei suoi servitori e un soldato, uomo religioso, che era ai suoi ordini; spiegò loro ogni cosa e li mandò a Giaffa.
Il giorno dopo, mentre quelli erano in cammino e si avvicinavano alla città, Pietro, verso mezzogiorno, salì sulla terrazza a pregare. Gli venne fame e voleva prendere cibo. Mentre glielo preparavano, fu rapito in estasi: vide il cielo aperto e un oggetto che scendeva, simile a una grande tovaglia, calata a terra per i quattro capi. In essa c’era ogni sorta di quadrupedi, rettili della terra e uccelli del cielo. Allora risuonò una voce che gli diceva: «Coraggio, Pietro, uccidi e mangia!». Ma Pietro rispose: «Non sia mai, Signore, perché io non ho mai mangiato nulla di profano o di impuro». E la voce di nuovo a lui: «Ciò che Dio ha purificato, tu non chiamarlo profano». Questo accadde per tre volte; poi d’un tratto quell’oggetto fu risollevato nel cielo. Mentre Pietro si domandava perplesso, tra sé e sé, che cosa significasse ciò che aveva visto, ecco gli uomini inviati da Cornelio: dopo aver domandato della casa di Simone, si presentarono all’ingresso, chiamarono e chiesero se Simone, detto Pietro, fosse ospite lì. Pietro stava ancora ripensando alla visione, quando lo Spirito gli disse: «Ecco, tre uomini ti cercano; àlzati, scendi e va’ con loro senza esitare, perché sono io che li ho mandati». Pietro scese incontro a quegli uomini e disse: «Eccomi, sono io quello che cercate. Qual è il motivo per cui siete venuti?». Risposero: «Il centurione Cornelio, uomo giusto e timorato di Dio, stimato da tutta la nazione dei Giudei, ha ricevuto da un angelo santo l’ordine di farti venire in casa sua per ascoltare ciò che hai da dirgli». Pietro allora li fece entrare e li ospitò.
Il giorno seguente partì con loro e alcuni fratelli di Giaffa lo accompagnarono. Il giorno dopo arrivò a Cesarèa. Cornelio stava ad aspettarli con i parenti e gli amici intimi che aveva invitato. Mentre Pietro stava per entrare, Cornelio gli andò incontro e si gettò ai suoi piedi per rendergli omaggio. Ma Pietro lo rialzò, dicendo: «Àlzati: anche io sono un uomo!». Poi, continuando a conversare con lui, entrò, trovò riunite molte persone e disse loro: «Voi sapete che a un Giudeo non è lecito aver contatti o recarsi da stranieri; ma Dio mi ha mostrato che non si deve chiamare profano o impuro nessun uomo. Per questo, quando mi avete mandato a chiamare, sono venuto senza esitare. Vi chiedo dunque per quale ragione mi avete mandato a chiamare». Cornelio allora rispose: «Quattro giorni or sono, verso quest’ora, stavo facendo la preghiera delle tre del pomeriggio nella mia casa, quando mi si presentò un uomo in splendida veste e mi disse: «Cornelio, la tua preghiera è stata esaudita e Dio si è ricordato delle tue elemosine. Manda dunque qualcuno a Giaffa e fa’ venire Simone, detto Pietro; egli è ospite nella casa di Simone, il conciatore di pelli, vicino al mare». Subito ho mandato a chiamarti e tu hai fatto una cosa buona a venire. Ora dunque tutti noi siamo qui riuniti, al cospetto di Dio, per ascoltare tutto ciò che dal Signore ti è stato ordinato».
Pietro allora prese la parola e disse: «In verità sto rendendomi conto che Dio non fa preferenza di persone, ma accoglie chi lo teme e pratica la giustizia, a qualunque nazione appartenga.

(Dio è carità – XLII)

Newsletter 36/2022

Domenica 6 novembre
L’atteggiamento da evitare.
La parabola è rivolta a quei farisei che a causa del loro attaccamento al denaro, disprezzavano l’insegnamento di Gesù su tale punto … e perderanno così la salvezza.
Nella parabola abbiamo tre quadri.
Nel primo, v. 19-21, il ricco nella sua sfrontata opulenza non si dà il minimo pensiero per l’estrema miseria del povero.
Nel secondo, v. 22-26, la situazione è capovolta, irreversibile; la situazione futura va risolta oggi con un diverso atteggiamento. Alla luce della parabola precedente farsi degli amici … la risposta del v. 25 va così inteso: tu ricco, quando eri in terra, ai riservato solo per te la tua ricchezza lasciando il povero nella sua miseria; non ti sei preoccupato di fartelo amico dividendo con lui i beni che ti erano stati affidati. Quella barriera eretta sulla terra, tra il mondo dell’opulenza e quello della miseria, non può più essere abbattuta.
È chiaro l’appello rivolto ai ricchi a mutare la loro vita, ispirandola alla condivisione e alla carità.
Nel terzo quadro, v. 27-31, abbiamo la preghiera del ricco con la risposta di Abramo (per i suoi fratelli, un segno come la risurrezione di un morto!). Ma Abramo parla di un ostacolo che rende impenetrabile ogni messaggio, anche quello che Dio ha inviato attraverso Gesù che risorgerà dai morti. Tale ostacolo è l’attaccamento al denaro, che spinge a beffarsi della Parola di Gesù. Solo una disponibilità all’uso della propria ricchezza nella carità, darà loro la possibilità di intendere la Parola, di praticarla e di aver parte all’eredità di Abramo.
Lc 16, 19-30
C’era un uomo ricco, che indossava vestiti di porpora e di lino finissimo, e ogni giorno si dava a lauti banchetti. Un povero, di nome Lazzaro, stava alla sua porta, coperto di piaghe, bramoso di sfamarsi con quello che cadeva dalla tavola del ricco; ma erano i cani che venivano a leccare le sue piaghe. Un giorno il povero morì e fu portato dagli angeli accanto ad Abramo. Morì anche il ricco e fu sepolto. Stando negli inferi fra i tormenti, alzò gli occhi e vide di lontano Abramo, e Lazzaro accanto a lui. Allora gridando disse: «Padre Abramo, abbi pietà di me e manda Lazzaro a intingere nell’acqua la punta del dito e a bagnarmi la lingua, perché soffro terribilmente in questa fiamma». Ma Abramo rispose: «Figlio, ricòrdati che, nella vita, tu hai ricevuto i tuoi beni, e Lazzaro i suoi mali; ma ora in questo modo lui è consolato, tu invece sei in mezzo ai tormenti. Per di più, tra noi e voi è stato fissato un grande abisso: coloro che di qui vogliono passare da voi, non possono, né di lì possono giungere fino a noi». E quello replicò: «Allora, padre, ti prego di mandare Lazzaro a casa di mio padre, perché ho cinque fratelli. Li ammonisca severamente, perché non vengano anch’essi in questo luogo di tormento». Ma Abramo rispose: «Hanno Mosè e i Profeti; ascoltino loro». E lui replicò: «No, padre Abramo, ma se dai morti qualcuno andrà da loro, si convertiranno». Abramo rispose: «Se non ascoltano Mosè e i Profeti, non saranno persuasi neanche se uno risorgesse dai morti»
(Dio è carità – XLI)

Newsletter 35/2022

Domenica 30 ottobe
“Nessun servitore può servire due padroni, perché o odierà l’uno e amerà l’altro, oppure si affezionerà all’uno e disprezzerà l’altro. Non potete servire Dio e la ricchezza” Lc 16,13
Che le due logiche siano irriducibili lo troviamo indicato con espressioni chiare pure in S. Paolo, es. Col. 3,5 , dove ammonisce di far morire gli atteggiamenti che sono propri di questo mondo fra cui elenca “quella voglia sfrenata di possedere che è una specie di idolatria”, cosa che attira la condanna di Dio.
(Dio è carità – XL)

Newsletter 34/2022

Domenica 23 ottobre
L’intero cap. 16 di Luca si interessa del problema della ricchezza con due parabole: l’amministratore saggio e il ricco stolto,. Riguardano entrambi il problema della ricchezza: l’uno in positivo, l’altro in negativo.
a) L’atteggiamento da imitare.
L’accoglienza presso gli amici non è altro che la dimora eterna, cioè la salvezza. Tutto ciò gli viene assicurato perché l’amministratore distribuisce le ricchezze del padrone. Cioè il Padrone è Dio che affida agli uomini le sue ricchezze. Ciò che vuole il Signore è la condivisione dei beni presenti con i poveri. Allora anche i ricchi possono aver parte alla salvezza. In altre parole la condivisione della ricchezza nella carità è condizione per aver parte al Regno, per essere accolti nella dimora eterna. Fuori da questa prospettiva la ricchezza diventa ostacolo alla salvezza perché non permette più di servire Dio secondo il suo progetto ma impone un’altra logica che allontana dal servizio di Dio
Lc 16, 1-9
Un uomo ricco aveva un amministratore, e questi fu accusato dinanzi a lui di sperperare i suoi averi. Lo chiamò e gli disse: «Che cosa sento dire di te? Rendi conto della tua amministrazione, perché non potrai più amministrare». L’amministratore disse tra sé: «Che cosa farò, ora che il mio padrone mi toglie l’amministrazione? Zappare, non ne ho la forza; mendicare, mi vergogno. So io che cosa farò perché, quando sarò stato allontanato dall’amministrazione, ci sia qualcuno che mi accolga in casa sua». Chiamò uno per uno i debitori del suo padrone e disse al primo: «Tu quanto devi al mio padrone?». Quello rispose: «Cento barili d’olio». Gli disse: «Prendi la tua ricevuta, siediti subito e scrivi cinquanta». Poi disse a un altro: «Tu quanto devi?». Rispose: «Cento misure di grano». Gli disse: «Prendi la tua ricevuta e scrivi ottanta». Il padrone lodò quell’amministratore disonesto, perché aveva agito con scaltrezza. I figli di questo mondo, infatti, verso i loro pari sono più scaltri dei figli della luce.
Ebbene, io vi dico: fatevi degli amici con la ricchezza disonesta, perché, quando questa verrà a mancare, essi vi accolgano nelle dimore eterne.
(Dio è carità – XXXIX)

Newsletter 33/2022

Domenica 16 ottobre
Con la ricchezza si può fare qualcosa che non viene mai meno e che può seguirti in cielo. Il tema dell’elemosina è particolarmente sottolineato in Luca; l’autentico senso dell’elemosina era ben noto dall’insegnamento dell’A.T. e Gesù fa riecheggiare e completa tale insegnamento.
In Tobia 4,7-11 si invita a fare elemosina dei propri beni; un’elemosina proporzionata alle proprie ricchezze ricordando a chi ha molto, di dare molto; dare a tutti secondo le proprie possibilità. L’elemosina, si dice, libera dalla morte …! Così è dal Siracide: invita all’elemosina come atteggiamento concreto 4,1ss + 7,32-36 + 29,8-13.  L’invito di Gesù a vendere i propri beni per darli in elemosina, corrisponde a quanto detto nell’A.T. ; è richiesto non il disprezzo delle ricchezze ma la vera e concreta carità amorosa verso i fratelli nel bisogno. Solo chi abbraccia questo nuovo modo di vedere e di agire può seguire il maestro e avere la vita eterna: Lc. 18,22 “Udito ciò, Gesù gli disse: «Una cosa ancora ti manca: vendi tutto quello che hai, distribuiscilo ai poveri e avrai un tesoro nei cieli; e vieni! Seguimi!».”

Tobia 4,7-11
A tutti quelli che praticano la giustizia fa’ elemosina con i tuoi beni e, nel fare elemosina, il tuo occhio non abbia rimpianti. Non distogliere lo sguardo da ogni povero e Dio non distoglierà da te il suo. 8In proporzione a quanto possiedi fa’ elemosina, secondo le tue disponibilità; se hai poco, non esitare a fare elemosina secondo quel poco. 9Così ti preparerai un bel tesoro per il giorno del bisogno, 10poiché l’elemosina libera dalla morte e impedisce di entrare nelle tenebre. 11Infatti per tutti quelli che la compiono, l’elemosina è un dono prezioso davanti all’Altissimo.

Sir 4, 1-5
Figlio, non rifiutare al povero il necessario per la vita, non essere insensibile allo sguardo dei bisognosi.
Non rattristare chi ha fame, non esasperare chi è in difficoltà.
Non turbare un cuore già esasperato, non negare un dono al bisognoso.
Non respingere la supplica del povero, non distogliere lo sguardo dall’indigente.
Da chi ti chiede non distogliere lo sguardo, non dare a lui l’occasione di maledirti,

Sir 7,32-36
Anche al povero tendi la tua mano, perché sia perfetta la tua benedizione.
La tua generosità si estenda a ogni vivente, ma anche al morto non negare la tua pietà.
Non evitare coloro che piangono e con gli afflitti móstrati afflitto.
Non esitare a visitare un malato, perché per questo sarai amato.
In tutte le tue opere ricòrdati della tua fine e non cadrai mai nel peccato.

Sir 29,8-13
Tuttavia sii paziente con il misero, e non fargli attendere troppo a lungo l’elemosina.
Per amore del comandamento soccorri chi ha bisogno, secondo la sua necessità non rimandarlo a mani vuote.
Perdi pure denaro per un fratello e un amico, non si arrugginisca inutilmente sotto una pietra.
Disponi dei beni secondo i comandamenti dell’Altissimo e ti saranno più utili dell’oro.
Riponi l’elemosina nei tuoi scrigni ed essa ti libererà da ogni male.
Meglio di uno scudo resistente e di una lancia pesante, essa combatterà per te di fronte al nemico.

(Dio è carità – XXXVIII)

Newsletter 32/2022

Domenica 9 ottobre
Nel viaggio verso Gerusalemme, Gesù traccia l’identità di chi lo vuole seguire. Una parte notevole di queste istruzioni sono riservate proprio a definire il comportamento del discepolo di fronte alle ricchezze. È uno stile di vita del discepolo che qui emerge! La ricchezza non è fonte di vita: “Fate attenzione e tenetevi lontani da ogni cupidigia perché, anche se uno è nell’abbondanza, la sua vita non dipende da ciò che egli possiede” (Lc. 12,15). È perciò grande stoltezza investire tutta la vita nella ricchezza e nei piaceri che essa può procurare, perché questa verrà meno; Lc. 12,19-21: “Dirò a me stesso: Anima mia, hai a disposizione molti beni, per molti anni; riposati, mangia, bevi e divertiti!». Ma Dio gli disse: «Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato, di chi sarà?». Così è di chi accumula tesori per sé e non si arricchisce presso Dio”
Vendete ciò che possedete e datelo in elemosina; fatevi borse che non invecchiano, un tesoro sicuro nei cieli, dove ladro non arriva e tarlo non consuma“ Lc. 12,33.
(Dio è carità – XXXVII)

Newsletter 31/2022

Domenica 2 ottobre
“Davanti agli uomini voi fate la figura di persone giuste, ma Dio conosce bene i vostri cuori. Infatti ci sono cose che gli uomini considerano molto, mentre Dio le considera senza valore” Lc. 16,15. Queste parole sono rivolte da Gesù ai farisei che andavano ad ascoltare tutto quello che diceva ma, precisa Luca, essendo attaccati al denaro si beffavano delle sue parole: “I farisei, che erano attaccati al denaro, ascoltavano tutte queste cose e si facevano beffe di lui” Lc. 16,14. L’attaccamento al denaro impedisce loro di prendere sul serio le parole di Gesù che esigerebbero da loro un mutamento di atteggiamento nei confronti della ricchezza.
(Dio è carità – XXXVI)

Newsletter 30/2022

Domenica 25 settembre
Siamo in linea con la tradizione profetica che ha maturato quale criterio di appartenenza al popolo della Alleanza non solo il rifiuto dell’oppressione e dell’ingiustizia, ma anche la condivisione dei beni con i poveri nella pratica della carità. Ezechiele descrive l’atteggiamento del giusto e del malvagio che si converte come quello di chi “da il pane all’affamato, copre di vesti l’ignudo, non presta ad usura né ad interesse, non opprime il povero e l’indigente” Lc. 18,5-8. Anche Isaia elenca fra le azioni che rendono possibile la presenza di Dio in mezzo al suo popolo non solo quelle che riguardano la giustizia 58,3-6 ma si sofferma più a lungo sulla carità di chi si spoglia dei suoi beni per condividerli: 58,7-10; leggere!

Lc 18, 5-8
Dato che questa vedova mi dà tanto fastidio, le farò giustizia perché non venga continuamente a importunarmi»». E il Signore soggiunse: «Ascoltate ciò che dice il giudice disonesto. E Dio non farà forse giustizia ai suoi eletti, che gridano giorno e notte verso di lui? Li farà forse aspettare a lungo? Io vi dico che farà loro giustizia prontamente. Ma il Figlio dell’uomo, quando verrà, troverà la fede sulla terra?».

Is 58, 3-6
«Perché digiunare, se tu non lo vedi, mortificarci, se tu non lo sai?». Ecco, nel giorno del vostro digiuno curate i vostri affari, angariate tutti i vostri operai. Ecco, voi digiunate fra litigi e alterchi e colpendo con pugni iniqui. Non digiunate più come fate oggi, così da fare udire in alto il vostro chiasso. È forse come questo il digiuno che bramo, il giorno in cui l’uomo si mortifica? Piegare come un giunco il proprio capo, usare sacco e cenere per letto, forse questo vorresti chiamare digiuno e giorno gradito al Signore? Non è piuttosto questo il digiuno che voglio: sciogliere le catene inique, togliere i legami del giogo, rimandare liberi gli oppressi e spezzare ogni giogo?

Is 58, 7-10
Non consiste forse nel dividere il pane con l’affamato, nell’introdurre in casa i miseri, senza tetto, nel vestire uno che vedi nudo, senza trascurare i tuoi parenti? Allora la tua luce sorgerà come l’aurora, la tua ferita si rimarginerà presto. Davanti a te camminerà la tua giustizia, la gloria del Signore ti seguirà. Allora invocherai e il Signore ti risponderà, implorerai aiuto ed egli dirà: «Eccomi!». Se toglierai di mezzo a te l’oppressione,
il puntare il dito e il parlare empio, se aprirai il tuo cuore all’affamato, se sazierai l’afflitto di cuore, allora brillerà fra le tenebre la tua luce, la tua tenebra sarà come il meriggio.

(Dio è carità – XXV)

Newsletter 29/2022

Domenica 11 settembre
L’appello del Battista alla conversione nella testimonianza di Luca 3,8 risuona così: “Fate dunque frutti che testimoniano la vostra conversione e non cominciate a dire: abbiamo Abramo per padre”. Si presentano a lui tre categorie di persone, gente comune, pubblicani e soldati  a chiedere: “che dobbiamo fare?”. La risposta di Giovanni Battista è un invito a cambiare l’atteggiamento nei confronti del prossimo circa l’uso dei beni materiali, visti come fonte di egoismo, ingiustizia e violenza, esortando le tre categorie rispettivamente alla conversione, alla giustizia, alla non violenza Lc. 3,10-14. In questi atteggiamenti si realizza e si manifesta la vera conversione che fa di loro degli autentici figli di Abramo.
Lc. 3,10-14
Le folle lo interrogavano: «Che cosa dobbiamo fare?». Rispondeva loro: «Chi ha due tuniche ne dia a chi non ne ha, e chi ha da mangiare faccia altrettanto». Vennero anche dei pubblicani a farsi battezzare e gli chiesero: «Maestro, che cosa dobbiamo fare?». Ed egli disse loro: «Non esigete nulla di più di quanto vi è stato fissato». Lo interrogavano anche alcuni soldati: «E noi, che cosa dobbiamo fare?». Rispose loro: «Non maltrattate e non estorcete niente a nessuno; accontentatevi delle vostre paghe».
(Dio è carità – XXXIV)