Questa newsletter settimanale propone un brano tratto dalle numerosi meditazioni presenti nei quaderni di Don Comelli. Se volete ricevere la newsletter, o volete segnalare le email di altri vostri conoscenti/amici che potrebbero essere interessati a riceverla, scrivete a info@doncomelli.it


Newsletter 13/2020

Domenica 5 aprile

—–

Entrando nella Settimana Santa, interrompiamo la meditazione sui doni dello Spirito Santo per proporre un brano dedicato alla Passione. Riprenderemo la pubblicazione settimanale della newsletter domenica 19 aprile.

—–

E’ scritto che nessuno ha mai potuto conoscere i segreti di Dio se non lo Spirito di Dio. Ora la passione di Cristo  è un segreto di Dio, e uno dei più abissali.

Dobbiamo affidarci allo Spirito e a lui chiedere umilmente di poterci avvicinare un poco alla passione di Cristo, di farci comprendere qualche goccia!

Newsletter 12/2020

Domenica 29 marzo
La furia è in forte contrasto con il dono del consiglio. San Francesco di Sales combatte, nei suoi scritti, molto frequentemente questo difetto. Lo si deve evitare ad ogni costo perché annebbia l’animo, porta agitazione, turbamento, rammarico; mette in agitazione il cuore e fa chiudere nell’amor proprio, nel proprio guscio! Il dono del Consiglio, al contrario, dona pace, serenità, vita interiore, cose in contrasto con la furia e i suoi difetti.

(Gli altri doni dello Spirito – XXXII)

Newsletter 11/2020

Domenica 22 marzo
La precipitazione è un difetto che porta stoltezza, grossolanità, ignoranza; diventa peccato quando c’è negligenza nell’ascolto dello Spirito nella preghiera; quando cioè non si prende il tempo necessario per domandargli consiglio prima di agire o quando ci si lascia vincere dalla precipitazione o quando ci si lascia vincere dalla passione che acceca.

(Gli altri doni dello Spirito – XXXI)

Newsletter 10/2020

Domenica 15 marzo
In diversi brani della Sacra Scrittura si possono scorgere manifestazioni mirabili del dono del Consiglio come nel silenzio di Gesù di fronte ad Erode, nelle risposte per salvare l’adultera, sul tributo a Cesare, nel giudizio di Salomone, nell’impresa di Giuditta, nella condotta di Daniele, di Susanna, quella di San Paolo nell’appellarsi a Roma. Il vizio contrario del dono del consiglio è la precipitazione che consiste nell’agire con troppa fretta senza consultare lo Spirito… impulso della propria attività naturale.

(Gli altri doni dello Spirito – XXX)

Newsletter 9/2020

Domenica 8 marzo
Tre circostanze devono concorrere di solito per permetterci di agire con sicurezza e senza pericolo nel procedere:
1) quando nel fare o parlare non c’è nessun male in quanto ci accorgiamo di non essere spinti da nessuna inclinazione o affetto naturale; da motivi di compiacenza, gratificazione, cattiva abitudine o sollecitazione di altri.
2) quando si è disposti, nel fare o parlare, di seguire un’altra via, se lo Spirito dovesse suggerirla.
3) quando si è ugualmente pronti per il pro o per il contro, secondo l’impulso dello Spirito.

(Gli altri doni dello Spirito – XXIX)

Newsletter 8/2020

Domenica 1 marzo
È necessario vivere in grande unione con Dio per mezzo della preghiera, docilissimi agli impulsi della Spirito, in lotta con tutte le passioni e sciolti da ogni legame di interesse umano. Come si nota, importa un serio impegno di tendere alla perfezione. C’è pure da ricordare le incomprensioni, le critiche, gli sguardi di sufficienza da parte di coloro che si orientano secondo criteri umani. Se si sceglie e si opera secondo il dono dello Spirito, molti non capiranno e faranno guerra! Soprattutto nelle comunità… religiose! Ma è necessario andare avanti! Anche gli Apostoli giudicheranno il cammino di Gesù verso Gerusalemme una pazzia. Ma Gesù seguiva lo Spirito.

(Gli altri doni dello Spirito – XXVIII)

Newsletter 7/2020

Domenica 23 febbraio
L’esercizio della purezza del cuore è condizione previa alla continua ed entusiasmante azione dello Spirito. Qualsiasi persona che si mettesse finalmente a purificare il cuore, acquisterebbe una meravigliosa prudenza soprannaturale, abilità divina nel trattare ogni specie di affari, illuminati nel consigliare soprattutto i figli… e mille iniziative per glorificare Dio. Soprattutto i genitori, coloro che fanno apostolato attivo..!

(Gli altri doni dello Spirito – XXVII)

Newsletter 6/2020

Domenica 16 febbraio
Senza il dono del consiglio agiremo solo spinti da iniziativa umana o da prudenza acquisita; non seguiremo se non gli aggrovigliati risvolti del nostro io che sono in forte opposizione con lo Spirito di Dio. Quindi anzitutto ogni mattina bisognerà chiedere allo Spirito Santo il suo aiuto per tutte le azioni della giornata, riconoscendo con umiltà la nostra ignoranza e debolezza. Volendo seguire la sua guida con una piena ed intera sottomissione di mente e di cuore. Poi, all’inizio di ogni azione si chiederà ancora… per compierla bene e, infine, domandare perdono per le offese che si saranno commesse. Così tutta la giornata passerà sotto lo sguardo di Dio che sa tutto e ci guiderà nelle varie circostanze…

(Gli altri doni dello Spirito – XXVI)

Newsletter 5/2020

Domenica 9 febbraio
Una persona è ripiena di Spirito Santo quando ne ha a sufficienza per rispondere a tutti i suoi impegni e obblighi. Per dei laici, chiamati alla contemplazione e all’azione, il dono del consiglio sarà tale da orientare con equilibrio, incisività, in modo da non diventare controtestimonianza. Dovendo vivere come laici incarnati nel mondo, è urgente del dono del consiglio per non commettere infiniti sbagli e soprattutto perché il nostro agire non sia solo umano.

(Gli altri doni dello Spirito – XXV)

Newsletter 4/2020

Domenica 2 febbraio
Lo Spirito comunica il dono del consiglio in proporzione della fedeltà a corrispondervi. Chi ne riceve in misura limitata se fa buon uso del poco che ha, può tenersi sicuro di riceverne di più… e così via fino alla pienezza, cioè ad averne quanto è necessario per assolvere a tutti i suoi obblighi, responsabilità e vocazione.

(Gli altri doni dello Spirito – XXIV)