Questa newsletter settimanale propone un brano tratto dalle numerosi meditazioni presenti nei quaderni di Don Comelli. Se volete ricevere la newsletter, o volete segnalare le email di altri vostri conoscenti/amici che potrebbero essere interessati a riceverla, scrivete a info@doncomelli.it


Newsletter 15/2019

Domenica 28 aprile

Seguire la strada del calvario fino alla croce è certamente una stoltezza secondo gli uomini. “Ma ciò che in Dio sembra stoltezza è più saggio della sapienza di tutti gli uomini”. 1 Cor. 1,25. Sono sicuramente diversi i criteri di Dio da quelli degli uomini. La sapienza di Dio diventa follia secondo il criterio degli uomini, ma anche la sapienza degli uomini diventa follia secondo i criteri di Dio. Spetta a noi scegliere a quale di questi due giudizi conformare il nostro. Dobbiamo eleggere o l’uno o l’altro come regola delle nostre azioni.

(I doni dello Spirito – XXVI)

Newsletter 14/2019

All’inizio della Settimana Santa, pubblichiamo un brano di una meditazione di Don Comelli sulla Passione di Cristo, augurando a tutti una Santa Pasqua.

Domenica 14 aprile 2019
Nel Getsemani c’era anche il mio peccato che pesava nel cuore di Gesù; nel pretorio c’era anche l’abuso che io ho fatto della mia libertà che lo teneva legato; sulla croce c’era anche il mio ateismo che egli espiava. Nel deserto il tentatore gli mostrò tutti i regni della terra, qui gli mostra tutte le generazioni della storia, compresa la nostra, e gli grida: guarda, guarda per chi soffri; guarda che cosa se ne faranno del tuo soffrire. Continueranno a peccare come sempre, non si daranno pensiero, è tutto inutile.
Sì! C’eravamo anche noi alla crocifissione di Gesù. Quanta confusione interiore, vergogna, malessere dovrebbe prenderci! Non è solo, la Passione, un avvenimento oggettivo da contemplare ma “patì”, “morì” per noi, per i nostri peccati. E’ stato messo in croce per i nostri peccati. E’ morto per noi! Meditiamolo sul serio. Diversamente la Passione rimane qualcosa di estraneo, non ci tocca intimamente: la Passione è la nostra redenzione.

Newsletter 13/2019

Domenica 7 aprile

C’è poi una stoltezza che è vera sapienza agli occhi del Signore. Amare la povertà, il disprezzo, le croci, le persecuzioni, è essere pazzo secondo il pensiero del mondo. E tuttavia la Sapienza, che è dono della Spirito Santo, non è se non questa stoltezza la quale non ama se non ciò che è stato amato, vissuto dal Signore Gesù e dai santi.

(I doni dello Spirito – XXV)

Newsletter 12/2019

Domenica 31 marzo

Tre sono le forme di sapienza riprovate dalla Sacra Scrittura, che si possono chiamare delle stoltezza: 1) terrena: la sapienza materiale che consiste nel solo gusto delle ricchezze 2) animale, cioè quella che ricerca i piaceri del corpo 3) diabolica, propria di chi non gode che della propria eccellenza, orgoglio.

(I doni dello Spirito – XXIV)

Newsletter 11/2019

Domenica 24 marzo

Qual è la sorgente dei nostri piaceri e dei nostri turbamenti? In che cosa il nostro cuore trova il proprio riposo o la propria soddisfazione? Questo esame diventa uno strumento per acquisire la purezza del cuore. Dovremmo rendercene familiare l’uso, indagando sovente lungo la giornata i nostri gusti, ripugnanze ecc.

(I doni dello Spirito – XXIII)

Newsletter 10/2019

Domenica 17 marzo

Esaminandoci se troviamo qualche oggetto cui ci siamo affezionati e per cui tutto da ciò facciamo dipendere, questa è vera stoltezza. Esaminando i nostri gusti o le nostre ripugnanza sia nei confronti di Dio e delle cose divine, sia nei confronti delle creature o cose della terra comprenderemo se apparteniamo al numero dei sapienti o degli stolti.

(I doni dello Spirito – XXII)

Newsletter 9/2019

Domenica 10 marzo

Il vizio opposto alla Sapienza è la stoltezza. Lo stolto e il sapiente sono in opposizione fra di loro. “Ciò fa sì, osserva S. Tommaso, che l’uno apprezzi giustamente le cose che si riferiscono alla propria vita perché le valuta in rapporto al primo principio e all’ultimo fine; l’altro, invece, le giudica male, perché non considera questa causa sovrana come regola dei suoi sentimenti e delle sue azioni”. Il mondo è pieno di questa forma di stoltezza e il numero degli stolti sembra infinito. Si può parlare addirittura di gusto depravato, di stoltezza quindi, perché agiscono con stoltezza, perché praticamente agiscono ponendo il loro ultimo fine nel cercare se stessi, oppure le cose create, la creatura e non Dio.

(I doni dello Spirito – XXI)

Newsletter 8/2019

Domenica 3 marzo

S. Bernardo esprime bene tutto questo in uno dei suoi discorsi: “La Sapienza, dice, è l’amore della virtù, non è altro che il gusto del bene; una volta entrata in un’anima doma la malizia, bandendo il gusto del male causato dalla malizia, riempiendo l’anima del gusto del bene. Ammortizza le tendenze della carne, purifica l’intelligenza, guarisce il gusto corrotto del cuore e mette l’anima nella Sapienza stessa”.

(I doni dello Spirito – XX)

Newsletter 7/2019

Domenica 24 febbraio

Un’anima che ha saputo, con la mortificazione, liberarsi dalle sue passioni e ha raggiunto, in seguito alla purificazione del cuore, una certa disponibilità al Signore… arriva al punto da evitare naturalmente tutto ciò che è secondo i sensi. Si sente così coinvolta nello Spirito da evitare istintivamente ciò che è appesantimento della materia. Il bene che si gusta è l’attrattiva che ci induce a operare il bene: questo è l’effetto proprio della Sapienza, la quale riempie l’anima con il gusto del bene e l’amore delle virtù, in modo tale da provare ripugnanza… per tutto ciò che non è secondo questo piano. Il gusto del bene le diventa quasi naturale.

(I doni dello Spirito – XIX)

Newsletter 6/2019

Domenica 17 febbraio

La gioia di essere in Dio e giudicare tutto alla luce dei valori che Dio stabilisce. Il non sentire più nostalgia per nulla. Posseduto da Dio! Il dono della Sapienza che dà l’entusiasmo, il gusto di Dio; il superamento di ogni forma di stanchezza, ripugnanza, disgusto in riferimento a Dio. Questo gusto della sapienza può raggiungere uno sviluppo tale che di fronte a due proposizioni, l’una formata dalla ragione e buon senso, l’altra ispirata da Dio, riconosci quella che viene da Dio quasi naturalmente.

(I doni dello Spirito – XVIII)